Grazie per il tuo feedback.
Hai appena aggiunto questo prodotto alla tua lista dei desideri.
Hai appena rimosso questo prodotto dalla tua lista dei desideri.
La tua lista dei desideri è piena. Elimina dei prodotti per aggiungerne altri.

4 min leggi

Come si leggono le etichette energetiche dei frigoriferi?

Come si leggono le etichette energetiche dei frigoriferi?
Come si leggono le etichette energetiche dei frigoriferi?

 

 

Le etichette energetiche forniscono tante informazioni importanti sul prodotto. Vediamo più da vicino che tipo di informazioni riportano e cosa significa quello che c'è scritto.

 

 

 

Cos'è un'etichetta energetica UE?

 

L'etichettatura energetica UE è un sistema standardizzato di classificazione dell'efficienza energetica emanato dall'Unione Europea per la maggior parte degli elettrodomestici. La prima etichetta energetica UE è apparsa su un elettrodomestico nel 1994. Da allora, sempre più categorie di apparecchi sono state incluse nelle normative energetiche dell'UE e le etichette hanno subito numerosi aggiornamenti. 

 

Lo scopo principale dell'etichettatura energetica dell'UE è quello di ridurre il consumo energetico delle apparecchiature domestiche in Europa a livello collettivo, facendo due cose: 

  1. fornendo ai consumatori dei criteri di confronto chiari e aiutandoli a scegliere prodotti più efficienti dal punto di vista energetico e 
  2. incoraggiando le aziende a investire nello sviluppo di prodotti sempre più efficienti dal punto di vista energetico. 

Le etichette energetiche includono informazioni preziose riguardo l'apparecchio, come ad esempio il consumo energetico annuo, il livello di rumorosità o la capacità. Queste piccole etichette sono una sorta di riepilogo di tutto ciò che dovresti tenere in considerazione quando decidi di acquistare un nuovo frigorifero.

 

 

 

Che cosa c'è sull'etichetta energetica di un frigorifero?

 

Di seguito è riportata un'etichetta energetica UE relativa ai frigoriferi, con il significato dei simboli e dei numeri indicati: 

 

Continua a leggere per scoprire nel dettaglio che cosa significano ciascuna valutazione e ciascun numero.

 

 

 

01.

Classe energetica (da A+ ad A+++)

 

Dal 2012, i frigoriferi devono ottenere una classificazione energetica pari almeno ad A+. Tuttavia, i rivenditori potrebbero avere ancora in magazzino elettrodomestici con classificazione A e B. Sebbene una classificazione A+ non sia negativa, un elettrodomestico A+++ sarà meno costoso e più ecologico. 

 

Con i frigoriferi, le dimensioni fanno un'enorme differenza, perché maggiore è lo spazio che deve essere mantenuto freddo, maggiore sarà la quantità di energia utilizzata dall'elettrodomestico. Assicurati di scegliere le dimensioni di cui hai davvero bisogno per utilizzare nella maniera più efficiente possibile lo spazio e l'energia elettrica. 

 

 

 

02.

Consumo energetico annuo (kWh/anno)

 

Oltre alla classe energetica, sulle etichette energetiche dei frigoriferi è riportato anche il consumo energetico annuo stimato in kWh.

 

Per altri elettrodomestici, questi valori vengono calcolati in base a varie supposizioni, ad esempio il fatto che una lavastoviglie venga utilizzata circa 5 volte a settimana con un ciclo di lavaggio standard.

 

Il consumo energetico annuo dei frigoriferi tende a essere piuttosto accurato, poiché l'elettrodomestico è in funzione 24 ore su 24, 7 giorni su 7, per tutto l'anno. Se sai a quanto ammontano le tue bollette per l'energia elettrica, puoi calcolare con una certa precisione il costo di funzionamento annuo dell'elettrodomestico.

 

 

 

03.

Capacità del frigorifero e del congelatore (l)

 

Questi numeri sono piuttosto chiari. Indicano in litri lo spazio offerto dagli scomparti del frigorifero e del congelatore di un particolare modello.

 

Questi valori e il loro rapporto variano a seconda della struttura dell'elettrodomestico. È possibile trovare frigoriferi con un rapporto tra frigo e congelatore pari a 70/30, 60/40 e 50/50. Questo aspetto deve essere preso in considerazione in base alle proprie abitudini alimentari e di acquisto. 

 

 

 

04.

Livello di rumorosità (dB)

 

Infine, l'altra valutazione importante riportata sull'etichetta energetica di un frigorifero è il livello di rumorosità misurato in dB. I moderni frigoriferi sono piuttosto silenziosi, ma qualsiasi livello di rumorosità superiore a 47 dB viene considerato elevato. Una volta raggiunti i 60 dB, ci si avvicina ai livelli di rumorosità di una conversazione media e, naturalmente, nessuno vuole essere interrotto continuamente dai propri elettrodomestici. 

 

 

 

Perché dovresti fare caso all'efficienza energetica?

 

Per due motivi molto semplici:

 

1. Il costo delle spese domestiche 

2. L'ambiente 

 

Sebbene i frigoriferi con una classificazione energetica più alta tendano a essere un po' più cari, costano meno una volta in funzione. Passare a un frigorifero ad alta efficienza energetica può ridurre i costi di consumo fino al 50%, ammortizzando l'investimento iniziale nel giro di pochi anni. 

 

I costi di consumo energetico sono in rapida crescita in tutto il mondo. Il nostro stile di vita richiede un consumo energetico sempre maggiore, mentre le risorse iniziano a scarseggiare. Stando alla Commissione europea, durante l'intero ciclo di vita dell'elettrodomestico il risparmio potrebbe ammontare a 600 Euro. Senza tenere conto dell'aumento dei prezzi nel tempo.   

 

Forse starai pensando: "Ma che differenza può fare un solo frigorifero"? Beh, stiamo parlando di un effetto cumulativo. L'efficienza energetica non è mai stata così importante, ora che le riserve del pianeta stanno diminuendo e che l'impatto dell'attività umana sull'ambiente è in costante crescita. 

 

Se tutta l'Europa passasse ai frigoriferi ad alta efficienza energetica, ogni anno si risparmierebbero 4 TWh (ovvero 4.000.000.000 kWh!) di energia elettrica. Senza contare che si eviterebbe l'emissione nell'atmosfera di addirittura 1,5 milioni di tonnellate di anidride carbonica (CO2) all'anno.

 

 

Preferisci parlare con qualcuno?